Rifugi Culturali


21 giu 2012, di Museo dell'Acqua

Vojaghe ben a le tere alte che le te dà el giasso per vivere

MUSEO DELL’ACQUA | ASIAGO | ALTOPIANO 7 COMUNI

di Giliano Carli Paris

SGUARDI IN BIBLIOTECA

Alcuni fogli sgualciti e diventati gialli per il passare del tempo.
Carta dattiloscritta e vagabonda che ha dimorato in decine di case.
Un lungo viaggio alternato da momenti di prestigio e d’abbandono per oltre cinquant’anni.
Quasi una storia d’autunno.
Che inizia con un gesto.
Con l’inserire alcuni fogli in un libro e lasciare così che il tempo li trasformi in memoria.

Marziali le lettere impresse. Molte le aggiunte a mano. Ripensamenti, desideri del professore di inserire dell’altro…
Guardo i fogli.
Li riguardo.
È stanco l’inchiostro impresso…
Ma leggo ugualmente:

«L’importante complesso speleologico ed il suo ghiacciaio mi furono segnalati ( è doveroso ricordarlo!) da tal Andrea Roi, di Treschè Conca  VI) nel 1945: tra gli anni 1910-1915 egli ricavava dallo Sciason il ghiaccio di  cui riforniva ( per sua dichiarazione) l’ospedale di Thiene…».

Sobbalzo.
Ecco improvviso un sapere nuovo.
Una testimonianza che raccolgo con grande stupore.

Ed è con quella meraviglia che scatta in me il desiderio di saperne di più.
Cerco allora frammenti di storie.
Lontane memorie.
Così, lentamente, metto assieme tracce di questi uomini.

Ecco da qualche parte, e subito, una reminiscenza che sussurra qualcosa!

…un tempo, venivano  chiamati ghiacciolai…

Ghiacciolaio fino al 1880 fu anche Adrin.

Scendeva abitualmente la paurosa voragine dello Sciason in località Campolongo di Rotzo, sull’Altopiano di Asiago. La discesa gli era possibile grazie all’aiuto di un abete.
Tagliato e fatto appositamente cadere al suo interno, nel primo pozzo, i suoi rami divennero sicuri scalini…

Confortato dalla luce di una lanterna Adrin scese per anni in quella cavità facendo, con i suoi colpi di scure contro il ghiacciaio, risuonare i vuoti della terra.
Le gerle, così, si riempirono di freddo.
Per ingannare lo sforzo della salita sui rami, Adrin di proposito, si ricordava di quand’era ragazzino e di quando si cimentava con gli alberi alla ricerca di nidiate d’uccelli…

…ma l’aiutava davvero il pensiero
di raggiungere il sole…

Una volta in superficie, un breve riposo prima di ridiscendere nel buio.
Ecco allora il sollievo di levarsi le scarpe bagnate.
La gioia di asciugarle, infilando nel loro interno una dozzina di piccole braci per alcuni minuti; metodo, questo, suggeritogli dagli amici ghiacciolai della valle del Reno.
“Roventini” le chiamavano queste apposite calzature i pistoiesi e roventini le chiamava pure lui.
Scarpe vecchie, chiodate e rinforzate per quel preciso lavoro.

Come rivestito di lamiera chiodata era il carro.
A tirarlo c’era Toni, il mulo.
E Toni fu suo compagno di lavoro fedele.
Seppe anche correre quando fu necessario. Come  quando il sole rubava il ghiaccio ad Adrin.

Si racconta che proprio in quei veloci viaggi verso la pianura incontrava spesso una donna, per alcuni una strega, che gli cantilenava dal ciglio della strada
“Adrin! Vojaghe ben a le tere alte che le te dà el giasso per vivere…”

Ma Adrin vendeva anche la neve …

Giorni e giorni lassù, in montagna, sulle terre alte, a immagazzinare dentro le caverne e le grandi doline carsiche più neve possibile.
Neve che veniva poi pressata dentro stampi e trasformata in blocchetti.  Neve pronta per la vendita…

Poi, all’avvicinarsi dell’estate, l’inizio di lunghi viaggi. Molti nella notte.

E in quelle notti non ci fu solo Adrin…
…ma tanti…
…tanti uomini e carri sulle strade dirette in pianura!
Ognuno con un proprio impegno, una  propria meta.

Sotto i raggi della luna, i luccichii della neve e del ghiaccio nei carri…
…una scia di corpi celesti sulla  terra…

…50 chilometri sotto le stelle…
…6 centesimi al quintale se ghiaccio spesso e trasparente …
…la neve poco, vale poco…

E una sera, Adrin raccoglie la notizia in osteria…
La sua neve sarà caricata su un mercantile in Austria, a Trieste. Solcherà il mare fino a raggiungere Alessandria d’Egitto.
Una città lontana che un’amico gli mostrerà la sera seguente, aiutato da una stampa.
Adrin guardò quella città e ne restò meravigliato! Ma non prese in mano il cartoncino. Non lo toccò. Aveva timore di sciupare l’immagine.

Le mani di Adrin, come le mani di tanti uomini d’allora, furono sempre imbrattate di mille lavori.

Ma lavorare il ghiaccio, la neve, è vendere il cielo… è diverso…

Quella sera Adrin le aveva bagnate. Sporche di neve.

:-[i]-:
iBORDERLINE.NET // Rifugi culturali / Fotografie di Sergio Dalle Ave
Kelly
Biblioteca Speleologica “O. Armellini” Asiago
Il testo citato è del prof. Giovanni Presa appassionato studioso dell’Altopiano di Asiago.
Fu promotore e socio fondatore, nel 1948, del  Gruppo Grotte Asiago


  • iborderline

    Attenzione GARES in pericolo! Passate parola!

  • Gabriele Villa

    A proposito de volerghe ben a le tere alte e anche alle acque che vi scorrono sopra...
    Ricevo un sms accorato da mia cugina che abita a Gares: [Conoscendo il tuo amore per questa terra, vorrei che tu guardassi due video su You Tube: Goodbye Corpassa e Goodbye Liera. Ci stanno devastando il territorio, bisogna parlarne in giro.] Si tratta dello sfruttamento a scopi idroelettrici dei torrenti della Val Corpassa e della Valle di Garès e i due servizi delineano con precisione i problemi che ne conseguiranno.

blog comments powered by Disqus



ixplorerwall



copyright © 1999- Antersass Ricerca e DFG Culturale – all rights reserved

iborderline [MANIFESTO] conceived and directed by Alberto Peruffo
frontline // written by FRONTEdellaCULTURA & Selected Friends
corrispondenze // written and arranged by Blogger Storici di Intraisass + Explorers, our Readers / Alberto Peruffo, Andrea Gabrieli, Andrea Salvà, Antonello Romanazzi, Claudia Avventi, Carlo Caccia, Erik Mario Baumgarten, Flavio Faoro, Franco Michieli, Gabriele Villa, Gianpaolo Castellano, Giovanni Busato, Luca Visentini, Mario Crespan (1941-2011), Maurizio Mazzetto, Mauro Mazzetti, Melania Lunazzi
rifugi culturali // researched by Claudia Avventi & Alberto Peruffo
ixplorerswall // community's comments

iborderline general coordination by redazione@intraisass.it
web development fruktarbo.com