Intotherocks


24 mar 2011, di Redazione

La tragedia sulla ‘Nord’ dell’Huascaran – 3

di Oreste Forno

HUASCARAN – CORDILLERA BLANCA – ANDE PERUVIANE

TERZA PARTE

7 agosto, sabato
A Llanganuco il vento ha soffiato per tutta la not­te. Lungo le sponde del torrente che alimenta le due lagune ci sono sottili incrostazioni di ghiaccio. Un ‘campesino’ si riscalda davanti al fuoco nell’at­tesa del sole. Sono le 7.30. Felice, Giovanni e Rodolfo hanno appena lasciato la casa che li ospita, quella del guardiano dei laghi; stanno salendo al punto di miglior ricezione già sperimentato nei giorni precedenti, a mezz’ora di strada. Alle 8 pre­cise la voce di Battistino scende a valle: «…stiamo scaldando un po’ di tè per fare colazione. Abbiamo riposato fino a tardi perché (continua…)

18 mar 2011, di Redazione

Alla corte della Civetta

di Fabio Valseschini

UNA GRANDE SALITA PER RENDERE OMAGGIO A UN GRANDE COMPAGNO CHE NON C’È PIÙ. IL RACCONTO IN PRIMA PERSONA DELLA PRIMA SOLITARIA INVERNALE DEI 5 DI VALMADRERA SULLA PARETE DELLE PARETI. PREPARAZIONE E RETROSCENA DI UNA SALITA STORICA.

Nell’estate 2003 le Alpi sono qualcosa di fantastico, il sistema di alta pressione sembra non finire mai.

Meglio approfittarne! Infatti riesco con diversi compagni di cordata ad effettuare scalate in tutto l’arco alpino, ripercorro vie storiche ed ambite. Dallo spigolo nord del Badile alla Tofana di Rozes (via Costantini-Ghedina), dalla via Bonatti al Gran Capucin alla nord-ovest del Cengalo (via Gaiser-Lehmann), infine lo sperone Walker (via Cassin-Ratti-Esposito). (continua…)

9 mar 2011, di Redazione

La tragedia sulla ‘Nord’ dell’Huascaran – 2

di Oreste Forno

HUASCARAN – CORDILLERA BLANCA – ANDE PERUVIANE

SECONDA PARTE

5 agosto, giovedì
Sono le due di notte. Riparato da un muretto di pietre appositamente costruito il fornello lascia salire la sua fiamma bluastra sul fondo di un pen­tolino in alluminio contenente del tè. I quattro al­pinisti, ancora un poco assonnati, stanno già preparando gli zaini, illuminati nei loro movimenti dalle pile frontali. Fa freddo, circa dieci gradi sot­to lo zero, ma i copricapi in ‘pile’ e le giacche in piumino non lo fanno sentire. (continua…)

2 mar 2011, di Redazione

La tragedia sulla ‘Nord’ dell’Huascaran – 1

di Oreste Forno

HUASCARAN – CORDILLERA BLANCA – ANDE PERUVIANE

PARTE PRIMA. Per la prima volta sul web il racconto dello storico tentativo alla Via Casarotto sulla Parete Nord dell’Huascaran. Una storia di alpinismo, solidarietà e relazioni umane che diede inizio al soccorso alpino sulle Ande e alla moderna Scuola di Andinismo delle Guide Don Bosco 6000 di Marcarà.

«La parete nord dell’Huascaran? Difficile! Ma so­prattutto pericolosa.»
Quei 1600 metri di roccia quasi verticale che dal ghiacciaio portano alla cappa di neve e ghiaccio della vetta, a 6655 metri di altezza, sono stati vinti a oggi, una sola volta. L’artefice della salita fu Renato Casarotto, in una grande impresa (continua…)

15 feb 2011, di Alberto Peruffo

Piccolo Uomo su Grande Parete. D’inverno.

SULLA PARETE DELLE PARETI, IL TITOLO RICORDA RENATO CASAROTTO. LORENZO MASSAROTTO. DIVERSI ANNI DOPO, MARCO ANGHILERI. ORA È IL TURNO DI FABIO VALSESCHINI.

7-13 febbraio 2011. Mentre Fabio saliva in prima invernale solitaria la Via dei Cinque di Valmadrera, alcuni amici lo osservavano da distante. Ecco le prime immagini esclusive dal Rifugio Tissi scattate da Alvio Bona.

L’insuperato “scatto storico” della Parete delle Pareti in veste invernale – nel cui cuore corre la Via -  è di Manrico Dell’Agnola.

Un ringraziamento speciale a Barry Bona per il materiale e un forte abbraccio a Fabio Valseschini. (continua…)

7 feb 2011, di Redazione

Nuove salite invernali in Alpago

di Barry Bona

ALPI ORIENTALI – ALPAGO – VAL DE PIERA – GRUPPO DEL COL NUDO-CAVALLO

L’inizio del nuovo anno ha portato una ventata di novità sulle montagne della conca alpagotta, più precisamente nella zona della Val De Piera. Dopo un lungo periodo di meteo instabile, con alternanza di piogge e repentine gelate, ecco arrivare le condizioni tanto desiderate: le friabili pareti settentrionali del Cimon di Palantina si erano consolidate sotto una robusta corazza di ghiaccio, come se ne vedono soltanto in Scozia o più spesso in Monte Bianco.

Dapprima ho collaudato la mia forma psico-fisica realizzando la prima solitaria, con l’uso della corda, al Pilastro Caotes, sulle pendici del Messer, seguendo una via di roccia di 200 metri aperta da mio padre con il fratello Ettore trent’anni fa. (continua…)

« più vecchi più recenti »



ixplorerwall



copyright © 1999- Antersass Ricerca e DFG Culturale – all rights reserved

iborderline [MANIFESTO] conceived and directed by Alberto Peruffo
frontline // written by FRONTEdellaCULTURA & Selected Friends
corrispondenze // written and arranged by Blogger Storici di Intraisass + Explorers, our Readers / Alberto Peruffo, Andrea Gabrieli, Andrea Salvà, Antonello Romanazzi, Claudia Avventi, Carlo Caccia, Erik Mario Baumgarten, Flavio Faoro, Franco Michieli, Gabriele Villa, Gianpaolo Castellano, Giovanni Busato, Luca Visentini, Mario Crespan (1941-2011), Maurizio Mazzetto, Mauro Mazzetti, Melania Lunazzi
rifugi culturali // researched by Claudia Avventi & Alberto Peruffo
ixplorerswall // community's comments

iborderline general coordination by redazione@intraisass.it
web development fruktarbo.com