Editoriale


19 feb 2010, di Claudia Avventi

Al rifugio, sul confine

RIFUGI CULTURALI | EDITORIALE

A chi arriva ora e a chi da sempre c’è dentro…
 
Intraisass è nato, nel 2000, dalla necessità di buttar fuori il bagaglio, di aprire lo zaino e spartire tra tutti un’esperienza, mentale ed estetica prima che materiale e tecnica. La composizione di immagini era stato uno strumento per descrivere l’indescrivibile che le parole sole non sanno contenere.
Parlava di montagna e lo faceva per associazioni, dissociazioni e distorsioni, plausibili o no, realtà personali o collettive, in ambienti verticali, di uomini dedicati al verticale , mimetizzati con esso o solo appassionati o solo in qualche modo impegnati.
Ci aveva abituato così dalla sua prima edizione, quella che nella sua versione stampata, l’Aperiodico di Letteratura, Alpinismo e Arti Visive, dopo due anni di scritture online, aveva in copertina una mano fotografata in carne e ossa – carne e ossa attaccate alla roccia – e un’altra mano, tra le prime pagine, rubata a Rodin: una mano di marmo fusa al marmo, che esce dalla roccia e roccia rimane.

Il primo Intraisass guardava lontano così, scambiando parole con immagini e immagini con parole, scaldandosi nell’arte dei grandi e dei piccoli, con citazioni e neoproduzioni intrecciate, per esplorare curiosamente e criticamente le Terre Alte in totale libertà.
E la libertà, oramai si sa, va costruita sulla conoscenza, sulla documentazione, sull’approfondimento in contesti che mettano nella condizione di farlo.

Oggi che per la terza volta Intraisass si cambia d’abito, quasi a dire «Son cresciuto – non invecchiato – e quelli vecchi mi stanno piccoli!», l’affezione a una forma non può che tenerci vicini alla nascita e ai primi vestiti che aveva indosso.
Forse è proprio questa familiarità che ci ha indotti a pensare a un luogo domestico, domestico nelle terre alte di cui vogliamo parlare: il rifugio. Culturale aggiungiamo noi.
Il passo della mente precede il corpo e anch’esso si scalda e nutre in luoghi. I rifugi non sono rari ma non sono ovunque: dovrebbero stare forse nel posto giusto al momento giusto. Al rifugio si arriva stanchi magari soli e lo si lascia (o lo si dovrebbe lasciare) riposati, nutriti e confortati da altre presenze, per riprendere il passo l’indomani.
Ci piace il calore del fuoco e abbiamo scelto questo luogo che accoglie e prepara a uscire più forti.

POST nonEDITORIALE

Cari amici di Intraisass… Cercavo parole che forse non ho più.
Poi ho letto Claudia, Carlo e Gabriele. Le loro scritture sono molto meglio di quanto avrei potuto fare io per presentarvi questa nuova avventura.
 
Alla fine dei conti – Claudia, Carlo, Gabriele e tutti i bloggers storici di Intraisass – questa avventura l’abbiamo sempre vissuta insieme, sospesi sui fili della nostra passione-azione, tenendoci miracolosamente in contatto, anche quando questo contatto non era percepibile, visibile agli occhi della fisica. A un passo dal confine.
 
Viviamo di connessioni.
E di paesaggi radicali.
Buon viaggio.
Alberto Peruffo

Leggi il MANIFESTO DI iBORDERLINE

 


  • pigats

    iborderliners, i commenti sono ora integrati con facebook: non dovete far altro che effettuare il login prima di commentare e selezionare le opzioni di condivisione sotto l'area di testo. La prima volta che utilizzate questa nuova funzionalità dovrete configurare la connessione con il vostro account facebook, una procedura molto semplice di pochi minuti. Per chi volesse, anche twitter è supportato.

  • Stiamo testando ixplorerwall. Durante questo periodo di sperimentazione, commentate pure liberamente. Non tutto sarà pubblicato e condiviso. Ma stiamo lavorando perché tutto funzioni a meraviglia...

  • Da oggi la possibilità di condividere i commenti di iBorderline nei social network e di associare ad essi i relativi Avatar.

    Prima di ogni commento, dalla riga "Stai commentando come Ospite. Opzionale: Accedi a uno dei servizi." è sufficiente cliccare sul social network desiderato per poter accedere alla nuova modalità di condivisione che accrescerà visibilità e comunicazione del nostro speciale ixplorerwall.

  • Alberto Peruffo

    Paolo Rumiz! A proposito di Rifugio Culturale, non trascurate mai il nostro. Guardate chi è venuto a trovarci nella nostra libreria-laboratorio sabato scorso: Paolo Rumiz e Roberto Giordani.
    http://www.antersass.it/lib...
    le prime 7 foto

    Osservate il libro che pesco dall'angolo dei libri "improbabili": THE OUTLAWS (I piccoli maestri in inglese!) regalatomi e autografato personalmente da Luigi Meneghello quando pure lui si divertiva a venire qui da me per vedere come tenevo in piedi il mio "improbabile" lavoro, da dietro le quinte.

  • tool

    good start

  • GPCastellano

    Bueno... manteniamo aperte connessioni e menti. A presto
    Gp

  • Alberto Peruffo

    Amici & bloggers, PARTIAMO!

    Pubblichiamo da ora la versione pubblica!

blog comments powered by Disqus



ixplorerwall



copyright © 1999- Antersass Ricerca e DFG Culturale – all rights reserved

iborderline [MANIFESTO] conceived and directed by Alberto Peruffo
frontline // written by FRONTEdellaCULTURA & Selected Friends
corrispondenze // written and arranged by Blogger Storici di Intraisass + Explorers, our Readers / Alberto Peruffo, Andrea Gabrieli, Andrea Salvà, Antonello Romanazzi, Claudia Avventi, Carlo Caccia, Erik Mario Baumgarten, Flavio Faoro, Franco Michieli, Gabriele Villa, Gianpaolo Castellano, Giovanni Busato, Luca Visentini, Mario Crespan (1941-2011), Maurizio Mazzetto, Mauro Mazzetti, Melania Lunazzi
rifugi culturali // researched by Claudia Avventi & Alberto Peruffo
ixplorerswall // community's comments

iborderline general coordination by redazione@intraisass.it
web development fruktarbo.com