pensieri-s(con)fusi-di-un-alpinista-terremotato


Articoli di Gabriele Villa

9 giu 2012, di Gabriele Villa

Pensieri s(con)fusi di un alpinista terremotato

CORRISPONDENZE | STORIE

«Aiutateci. Siamo ostaggi dei campanili: stanno distruggendo la nostra vita e i nostri paesi».
Erano alcuni dei messaggi scritti sui cartelli esposti dagli abitanti dei paesi terremotati di Reno Centese e Buonacompra, nel ferrarese, durante quella che è stata definita “la civile protesta”, consistente nell’attraversare, avanti e indietro, sulle strisce pedonali, non per creare un disservizio bloccando forzatamente il traffico, ma per poterlo rallentare in modo da avere la possibilità di parlare con i passanti e attirare l’attenzione sul loro problema.
«Se i campanili crollano, senza un abbattimento pilotato, distruggono non solo le nostre case, ma tutto il centro del paese» – questo, in buona sostanza, il nocciolo della questione espresso dai manifestanti che (continua…)

5 mag 2012, di Gabriele Villa

La strana cordata di Emilio il moderno e Gabriele l’antico

CORRISPONDENZE | STORIE

Su molte cose, nella mia vita, sono arrivato in ritardo sui tempi.
Quando i miei coetanei andavano a giocare a calcio sui giardini, io ancora mi dilettavo con i soldatini di terracotta assieme a un ragazzo più piccolo di me: avevo 14 anni e lui ne aveva 12 e devo dire che mi divertivo un sacco. Quando ho cominciato a giocare a calcio avevo passato i vent’anni e, per recuperare il tempo perduto, mi ci sono accanito al punto da continuare fino in età “matura”, tanto di trovarmi alla soglia dei quarant’anni in una squadra di ragazzini che mi avevano soprannominato “l’antico”. Quando ho cominciato ad arrampicare, oramai prossimo ai trent’anni, si usavano ancora gli scarponi a suola semirigida, ma ben presto apparvero le prime scarpette (continua…)

12 apr 2012, di Gabriele Villa

Omino di pietra

CORRISPONDENZE | STORIE

Arrivati al lago si erano fermati a guardare quell’incanto, rimanendo nel chiuso tepore dell’automobile, intorno i colori dell’autunno stavano oramai prevalendo nel cromatismo del bosco e lo scuro dello specchio d’acqua ne esaltava la vivacità e la bellezza.
Poi avevano parcheggiato l’auto e, cambiatisi rapidamente, avevano imboccato il sentiero seguendo il segnavia che più li aveva ispirati.
Niente cartina, niente bussola, nessuna conoscenza dei luoghi, solamente la voglia di camminare nella solitudine malinconica della montagna autunnale.Un cartello indicatore segnalava una forcella a due ore e mezza di cammino: era stata sufficiente quell’informazione per decidere la mèta. (continua…)

27 mar 2012, di Gabriele Villa

L’ultimo tram per l’inverno

CORRISPONDENZE | STORIE

Domenica 18 marzo, ultima di questo strano inverno che ha saputo farsi desiderare e allo stesso tempo farsi maledire per le sue esagerazioni e pure per i suoi controsensi, quando ha scaricato neve a casaccio, soprattutto nei posti sbagliati.
Ancora una volta le previsioni danno cattivo tempo in arrivo a cavallo del sabato con la domenica ma, una volta tanto, non ci dispiace e buttiamo quasi con allegria nello zaino gli scarponi pesanti, le ghette, i guanti, il berretto di lana, il goretex e nel bagagliaio dell’auto le altre cose che servono, come le corde, le piccozze e i ramponi.
Era giovedì 29 dicembre quando saltammo da un caldo autunno dentro a un freddo inverno nel giro di appena trentadue ore; le previsioni erano proprio come quelle di questo fine settimana, così si presenta l’occasione di prendere l’ultimo tram di questo strano inverno. (continua…)

6 mar 2012, di Gabriele Villa

Incontro a Malga Sorgazza | Paola Favero | Nanga Parbat, la montagna delle fate

Da Malga Sorgazza in Val Malene (Pieve Tesino – TN)
Maurizio Caleffi MaurICE
informa circa un interessante pomeriggio d’incontro
che si svolgerà sabato 10 marzo, alle ore 18:00, presso i locali della malga.
Paola Favero
presenterà con immagini e musica
Nanga Parbat,
la montagna delle fate
Sarà presente Silke Unterkircher.
1 mar 2012, di Gabriele Villa

Il foot hook di noialtri

CORRISPONDENZE | STORIE

Mi ero preso l’impegno di preparare una serata nell’ambito dei “Giovedì del CAI” che la Sezione di Ferrara organizza ogni anno nei mesi di gennaio e febbraio e, visto che cadeva giusto il trentennale dei Sassi di Castelnuovo nei Colli Euganei (la piccola palestra di trachite nella quale si sono succeduti per vent’anni i corsi di roccia prima e alpinismo poi e ultimamente i corsi di escursionismo sezionali), perché non raccontarne la storia dal momento che l’avevo vissuta in prima persona in qualità di istruttore e anche di direttore proprio di gran parte di quei corsi?
Così ho cominciato a cercare nel mio archivio diapositive e a riversarle in digitale con l’aiuto e la collaborazione dell’impareggiabile Gpl (il ragazzo con la barba bianca), poi ho pensato che la storia era iniziata ancora prima, alla palestra delle Numerate di Rocca Pendice (continua…)

« più vecchi



ixplorerwall



copyright © 1999- Antersass Ricerca e DFG Culturale – all rights reserved

iborderline [MANIFESTO] conceived and directed by Alberto Peruffo
frontline // written by FRONTEdellaCULTURA & Selected Friends
corrispondenze // written and arranged by Blogger Storici di Intraisass + Explorers, our Readers / Alberto Peruffo, Andrea Gabrieli, Andrea Salvà, Antonello Romanazzi, Claudia Avventi, Carlo Caccia, Erik Mario Baumgarten, Flavio Faoro, Franco Michieli, Gabriele Villa, Gianpaolo Castellano, Giovanni Busato, Luca Visentini, Mario Crespan (1941-2011), Maurizio Mazzetto, Mauro Mazzetti, Melania Lunazzi
rifugi culturali // researched by Claudia Avventi & Alberto Peruffo
ixplorerswall // community's comments

iborderline general coordination by redazione@intraisass.it
web development fruktarbo.com